Caratteristiche dei Sistemi di Visita Virtuale (SVV)

                      




1. Cosa sono gli SVV

I sistemi multimediali che realizza Alba Pratalia consentono di visitare virtualmente degli ambienti reali che vengono riprodotti utilizzando varie tecnologie.
La simulazione della spazio reale si realizza creando una rete di immagini panoramiche a 360° (realizzate con la tecnologia Quick Time Virtual Reality) che rappresentano dei punti di vista sulla scena. In ogni nodo della rete che si produce è possibile guardarsi intorno per esplorare lo spazio, attivare la visualizzazioni di dettagli e informazioni circa le opere e gli oggetti presenti nello spazio circostante, opppure cambiare punto di vista sulla scena muovendosi attraverso la rete.
La consultazione degli SVV, che si avvale di numerosi altri elementi informativi multimediali (ad esempio: mappe topografiche, immagini di dettaglio o filmati), viene compiuta seguendo i criteri di navigazione che vengono proposti all'utente e che sono progettati in funzione delle finalità comunicative del sistema.



2. Finalità comunicative

Alba Pratalia offre ai propri clienti l'applicazione di questa architettura di visita virtuale per specifiche finalità comunicative. Tali finalità sono ovviamente molteplici e in continua mutazione ed evoluzione, quindi, in un elenco puramente esemplificativo possono figurare:



3. Struttura degli SVV e funzionalità interattive e comunicative dei componenti

Un sistema di visita virtuale ordina tutti i propri contenuti e i dispositivi di consultazione in due ambienti principali: l'ingresso e la navigazione.
All'ingresso l'utente sceglie prima di tutto la lingua di consultazione, trova una spiegazione delle finalità comunicative del sistema nonché dell'area che è oggetto di visita con diversi gradi d'approfondimento. Successivamente prende contatto più diretto con l'area di visita e con gli oggetti o le opere che vi sono contenuti. E' aiutato in questo da una serie di mappe che lo conducono da una vista d'insieme a quella di luoghi più specifici. Alternativamente può accedere direttamente alle opere contenute usando gli elenchi tipologici o, se previsto, può seguire degli itinerari tematici di visita che lo conducano attraverso un percorso preordinato.
Con la scelta della modalità di consultazione, accede al secondo ambiente, quello della Navigazione, dove ha modo di addentrarsi nello spazio simulato muovendosi attraverso la rete dei punti di vista sulla scena. I dispositivi che lo aiutano sono le immagini panoramiche, le mappe dinamiche che marcano in ogni momento la sua posizione nello spazio simulato e, simultaneamente, da un ricco apparato di schede descrittive, immagini, filmati, link che gli permettono di approfondire le informazioni sui contenuti o ampliarne la conoscenza con il ricorso a risorse informative esterne allo SSV.
Durante la consultazione del sistema l'utente ha disponibili tutta una serie di strumenti che lo assistono. Può così cambiare in ogni momento la modalità di navigazione richiamando le mappe e gli indici iniziali; può ritornare alle opere e ai luoghi che ha già incontrato ricorrendo alla history; può compilare una guida personalizzata all'area di visita includendo i riferimenti alle opere che lo interessano; può ricorrere in ogni momento ad un help per capire meglio le funzionalità e i modi di interazioni con gli elementi del sistema.
Nella configurazione standard gli SVV non richiedono particolari dotazioni hardware e software del server che li ospita. e possono essere consultati con i più diffusi browser esistenti sul mercato.

Nell'approfodimento sono presentate in dettaglio le varie componenti degli SVV per esporre le loro caratteristiche tecnologiche, le attitudini comunicative e interattive di ciascuna e infine per delineare le varie opzioni produttive tra cui scegliere le soluzioni implementative necessarie a configurare il sistema che si vuole realizzare.





4. Modularità, integrabilità e scalarità

Vediamo in dettaglio alcune caratteristiche architettuali e implementative degli SVV che prospettano le opzioni di configurazione di specifiche applicazioni.

Veicoli e strategie di comunicazione

Per le loro caratteristiche di espandibilità, aggiornabilità, in quanto strumento di marketing via Web, il veicolo di diffusione più adeguato per gli SVV è Internet. Tuttavia, può essere diffuso anche attraverso CD-ROM. Infatti, nel quadro delle consuete iniziative di marketing, anche una sistema per la promozione turistica può essere riversato (completetamente, o in parte, ed eventualmente con immagini panoramiche in altissima risoluzione) in un CD-ROM. In tal caso il CD-ROM può essere un veicolo efficace per la possibilità, ad esempio, di utilizzare i consuenti canali di comunicazione del cliente.
Una ulteriore modalità di pubblicazione è quella dei chioschi multimediali interattivi collocati in spazi informativi strategici (ad esempio: stazioni ferroviarie, aeroporti, autogrill).

Dimensioni variabili e ampliabilità

Gli SVV sono modulari e flessibili, e questo li rende adattabili alle più diverse esigenze comunicative. Grazie alla struttura modulare del sistema una applicazione può nascere con un numero limitato di oggettie opere trattate e può poi crescere tramite ampliamenti successivi fornendo una informazione sempre più dettagliata sullo spazio che riproduce.
La modularità del sistema favorisce la flessibilità del suo impiego. Nelle applicazioni destinate alla promozione turistica, ad esempio, data la rete dei nodi panoramici di base del sistema, si possono creare vari percorsi di visita a tema, si può offire la visita virtuale ad opere e lughi specificii in occasione di eventi culturali ed espositivi che lo coinvolgono, come, ad esempio, mostre, restauri, convegni, fiere.

Integrabilità con le risorse esistenti

Gli SVV sono integrabili con le risorse Web del cliente già esistenti. In virtù della possibilità di avviare la visita virtuale in una finestra del browser aperta ad hoc, il sistema di visita virtuale può essere aperto da qualsiasi punto del sito Web che lo ospita, non intralciando in nessuno modo la sua navigazione. In qualsisai momento, infatti, l'utente può terminare la visita virtuale chiudendo la finestra che la ospita e può tornare alla navigazione iniziale.
Inoltre, usando il dispositivo dei "link interni" che vengono collocati nelle "schede descrittive", è possibile aprire qualsisi contenuto informativo presente nelle pagina del sito Web ospitante.
Le risorse informative già in possesso del cliente sono utilizzabili proficuamente anche nella fase produttiva del sistema. Specialmente nell'ambito della promozione turistica, gli archivi iconografici (fotografie, incisioni, cartoline, riproduzoni di dipinti, eccetera), gli archivi cinematografici, raccolte di schede descrittive di opere e attrattive storico-artistiche (eventualmente già tradotte in altre lingue) sono risorse che possono arricchire la visita virtuale, rendendo anche più economica la realizzazione dello SVV.

Creazione di reti di risorse informative

Una delle caratteristiche peculiari dell'architettura di visita virtuale che Alba Pratalia offre è la possibilità di accedere direttamente a qualsiasi punto dello spazio riprodotto. Ciò significa che una data opera trattata, come ad esempio un palazzo storico, può essere visitato anche partendo da un sito Web diverso da quello che ospita lo SVV. In tal modo un soggetto pubblico o privato che svolga la propria attività in quel palazzo può offrire la visita ai navigatori del proprio sito accedendo ad una risorsa informativa che magari è di dominio pubblico.
Lo stessa opera può naturalmente essere visitata a partire da un terzo sito Web per motivi diversi, come ad esempio un percorso tematico storico artistico. Un SVV può quindi essere visto anche come una risorsa utilizabile con diverse finalità entro una rete di risorse informative. Per fare un esempio implementativo si può immaginare la situazione in cui un SVV viene finanziato da vari sponsor pubblici e privati che eventualmente hanno le proprie sedi istituzionali tra gli edifici trattati da un sistema di promozione turistica e che partecipando alla creazione di una risorsa pubblica hanno modo di arricchire il loro apparato di comunicazione istituzionale.



5. Promozione

Sito promozionale

Opzionalmente si può creare un piccolo sito a sostegno del piano di marketing dello SSV, contenente tutti i materiali, testuali ed iconografici che possono esere usati da terzi per creare link allo SVV o per fare informazione sui vari media: tv, carta stampata, radio, internet.
Per quanto riguarda i testi si possono inserire varie descrizioni dello SVV con varie finalità come ad esempio per la creazione dei link o per la redazione di articoli e servizi gionalistici.
Per quanto riguarda invece la parte iconografica si possono predisporre tutta una serie di elementi visivi adatti a facilitare la creazione di pulsanti di link. Ad esempio il marchio dello SVV, varie illustrazioni dell'interfaccia o dei contenuti, oppure dei banner di varie dimensioni. Infine, per l'illustrazione di articoli giornalistici, si possono predisporre delle immagini esemplificative delle varie parti costitutive del sistema.

Servizio di promozione sul Web

Opzionalmente Alba Pratalia può curare, di concerto con il cliente, una campagna promozionale dello SVV. Tra le azioni prefigurabili si possono annoverare: la segnalazione dello SVV ai principali motori di ricerca su Internet, la segnalazione a siti Web di cui sia riconosciuta l'autorevolezza negli ambiti comunicativi propri dello SVV prodotto, la partecipazione alla stesura di comunicati per i diversi destinatari che possono essere coinvolti nella promozione.





Visualizza la versione illustrata, stampabile e scaricable di questo documento (PDF di 920KB)